Gabriele FavaGabriele Fava5 dicembre 2017
Optimized-sculpture-230180_1920.jpg

whistelblowingLo scorso 15 novembre 2017, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva il Disegno di Legge che introduce nell’ordinamento italiano alcune disposizioni di tutela per gli autori di segnalazione di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato  il così detto  whistleblowing.

Ciò costituisce un ulteriore passo in avanti nell’implementazione di strumenti di contrasto alla commissione di illeciti, in generale, e della corruzione in particolare. La nuova Legge, oltre che integrare l’attuale disciplina prevista dalla legge Severino per quanto riguarda i dipendenti pubblici, amplia la tutela del whistleblower nel settore privato inserendo specifici obblighi a carico delle società nei modelli organizzativi, di gestione e controllo ex  D.Lgs. n. 231/2001.

La novità nel settore privato sul whistleblowing

Nel settore privato le Società, che adottano i modelli ex D.lgs. n. 231/2001, dovranno prevedere uno o più canali che consentano ai soggetti subordinati ed apicali di presentare, a tutela dell’integrità dell’ente, segnalazioni circostanziate e fondate su elementi di fatto precisi, di condotte illecite o di violazioni del modello organizzativo di cui gli stessi siano venuti a conoscenza nell’esercizio delle loro  funzioni.

Le società inoltre dovranno dotarsi di almeno un canale alternativo di segnalazione con modalità informatiche. Tali canali dovranno garantire la riservatezza dell’identità del soggetto segnalante.

Viene chiaramente stabilito  il divieto di atti di ritorsione o discriminatori (quali ad esempio mutamento di mansioni, licenziamento ecc.) nei confronti del soggetto segnalante per motivi collegati direttamente ed indirettamente alla segnalazione, con conseguente nullità degli stessi.

Con specifico riferimento a quest’ultimo aspetto, viene posto in capo al datore di lavoro l’onere di provare che la misura adottata non sia connessa alla segnalazione ricevuta dal segnalante. In tali casi , il datore di lavoro dovrà, altresì, essere in grado di dimostrare in maniera stringente, in occasione di un eventuale giudizio, la sussistenza di ragioni aziendali oggettive e specifiche che hanno comportato l’adozione del provvedimento nei confronti del soggetto segnalante. Quest’ultima previsione, indubbiamente, se da un lato consente di tutelare attivamente il c.d. whistleblower, dall’altro, rischia di trasferire in capo ai datori di lavoro l’onere di integrare una c.d. probatio diabolica, per definizione difficilmente integrabile.

Da ultimo, il provvedimento sul  whistleblowing prevede apposite sanzioni nei confronti di chi violi le misure poste a tutela del segnalante nonché nei confronti di chi ponga in essere, con dolo o colpa grave, segnalazioni che si rilevino infondate.

Conclusioni

Alla luce della nuova normativa, quindi, sarà necessario che venga efficacemente garantito un equo bilanciamento tra gli interessi in gioco: esigenze meritevoli del soggetto segnalante ed esigenze di repressione dell’uso strumentale e scorretto delle segnalazioni.

A tal proposito, il rischio di un uso scorretto delle segnalazioni, dovrebbe essere quantomeno limitato dall’apparato sanzionatorio previsto per le segnalazioni che risultino infondate a causa della sussistenza del dolo o della colpa grave in capo al soggetto segnalante.

La nuova normativa sul whistleblowing rappresenta di certo un intervento potenzialmente idoneo a tutelare i lavoratori che vengono a conoscenza della commissione di reati o di irregolarità nell’esercizio delle loro  funzioni. Ma dal punto di vista operativo sarà, tuttavia, fondamentale garantire da un lato, l’effettivo anonimato del soggetto segnalante e, dall’altro, vigilare affinché non vengano commessi abusi e o strumentalizzazioni delle segnalazioni anonime.

Gabriele FavaGabriele Fava24 ottobre 2017
fava_associati_generica02-2-1280x720.png

il D.Lgs. 23/2015 attuativo del c.d. Jobs Act è intervenuto a dettare la nuova normativa in tema di tutele in caso di dichiarata illegittimità del licenziamento per tutti quei lavoratori assunti a far data dal 7 marzo 2015. Per questi ultimi, a cui si applica il c.d. contratto a tutele crescenti, la possibilità della reintegrazione a seguito dell’accertata illegittimità del licenziamento diventa un’ipotesi del tutto residuale e marginale.

Gabriele FavaGabriele Fava13 ottobre 2017
pexels-photo-327540-1280x851.jpeg

Il c.d. “ Jobs Act degli autonomi ” ispirandosi al principio della gross disparity, è intervenuto a regolamentare i rapporti contrattuali tra committente e professionista lavoratore autonomo con l’intento di tutelare maggiormente quest’ultimo da pattuizioni contrattuali che determino un eccessivo squilibrio in favore del committente.

Gabriele FavaGabriele Fava4 marzo 2017
internet-privacy.jpg

Lo scorso 17 febbraio, il Garante della Privacy ha diffuso un importante provvedimento (n. 547 del 22 dicembre 2016) che ha, di fatto, confermato l’orientamento applicativo formatosi nella prassi secondo cui il datore di lavoro non è legittimato ad accedere in maniera indiscriminata alla posta elettronica aziendale e ai dati personali contenuti negli smartphone forniti al personale dipendente.....

Gabriele FavaGabriele Fava8 febbraio 2017
2c58d403-dcf2-416b-81a5-fa67060a3c31.jpg

Il Sindacato Lavoratori Comunicazione - Cgil, a seguito dell’apertura della procedura di licenziamento collettivo nei confronti di 1666 lavoratori della sede di Roma della società Almaviva Contact, ha recentemente depositato presso il Tribunale di Roma un ricorso ex. art 28 Statuto dei Lavoratori per vedere accertata la condotta antisindacale della Società e, di conseguenza, chiedere l'annullamento della procedura di riduzione del personale.....


HR LINK

Un gruppo di professionisti che operano da anni nel settore HR e mettono a disposizione con passione e competenza la propria esperienza condividendone i valori.

HR LINK il nuovo magazine per il mondo HR
Via Vincenzo Monti 79/2
20145 Milano – IT
Tel. +393357764886
Mail: info@hr-link.it
PEC: hrlinksrl@pec.it

Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Numero REA MI 2010949
C.F. e P.I. 08224190960
C.C.I.A.A.




NEWSLETTER


CATEGORIE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi