REDAZIONE-119 ottobre 20143min0

Forma.Temp e la formazione per i somministrati

Spesso ci facciamo sfuggire delle opportunità, nella vita come nel lavoro, per il più banale dei motivi: perché non ne siamo a conoscenza. La regola vale trasversalmente per tutti gli ambiti professionali, e quindi anche per il mondo della formazione, che con il lavoro viaggia ormai sempre più (seppur con ampi margini di miglioramento) a braccetto.

Molti conoscono l’attività delle Agenzie per il Lavoro, le ex interinali che pongono al centro del loro business la somministrazione: facendo da tramite tra domanda e offerta di lavoro, le APL si assumono l’incarico di prendere alle proprie dipendenze i lavoratori, che prestano però la loro attività professionale presso l’azienda utilizzatrice. Ma non tutti i candidati (i futuri lavoratori somministrati) e soprattutto non tutte le aziende sono a conoscenza di un’opportunità di formazione efficace e totalmente gratuita con Form.Temp, fondo per la formazione i cui destinatari sono disoccupati e lavoratori in somministrazione.

La sua creazione e il suo utilizzo ne fanno uno strumento quanto mai utile per la gestione della formazione professionale: Forma.Temp, di fatto, rende disponibili importanti risorse finanziarie per qualificare ulteriormente il lavoro in somministrazione, avvalendosi di un contributo parti al 4% delle retribuzioni lorde corrisposte dalle APL ai lavoratori somministrati a tempo determinato. Costi quindi pari a 0 per i lavoratori, che possono così fruire di tutti i vantaggi di una formazione di livello, e per le aziende, che in un secondo momento – e seguendo tempi burocratici non eccessivamente lunghi – si vedono completamente rimborsate le voci di costo eventualmente anticipate (corpo docente, aula, etc.).

Tre sono i principali percorsi formativi dell’ente: formazione di base, formazione professionale e formazione on the job.

La prima è costituita solitamente da programmi di breve durata riguardanti competenze trasversali spendibili in ogni contesto lavorativo ed è destinata, oltre a lavoratori in missione, anche a candidati iscritti nelle APL.

La seconda è rivolta a disoccupati e somministrati ed ha come obiettivo l’inserimento al lavoro attraverso lo sviluppo di competenze tecniche e trasversali; i programmi sono di media e lunga durata (anche oltre 200 ore, di cui 8 obbligatorie su sicurezza e diritti/doveri dei lavoratori) e i partecipanti vanno da un minimo di 3 ad un massimo di 30 unità.

La formazione on the job prevede invece la presenza del contratto di somministrazione e mira a favorire l’inserimento dei nuovi somministrati nella realtà produttiva, tramite attività didattiche che prevedono affiancamento di un tutor e monitoraggio di un mentor esterno.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *


*


HR LINK

Un gruppo di professionisti che operano da anni nel settore HR e mettono a disposizione con passione e competenza la propria esperienza condividendone i valori.

HR LINK il nuovo magazine per il mondo HR
Via Vincenzo Monti 79/2
20145 Milano – IT
Tel. +393357764886
Mail: info@hr-link.it
PEC: hrlinksrl@pec.it

Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Numero REA MI 2010949
C.F. e P.I. 08224190960
C.C.I.A.A.




NEWSLETTER


CATEGORIE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi