Il contratto psicologico

Il contratto tecnico giuridico di lavoro riesce a coprire solamente alcuni aspetti legati ai rapporti tra dipendente e azienda, come la relazione di scambio e la relazione gerarchica. Per definire la terza e fondamentale sezione che interessa il rapporto fra azienda e lavoratore è stato ideato il termine ‘contratto psicologico’, il quale viene così descritto da  G. Costa – M. Gianechini nel loro libro Strategia Risorse Umane e Valore: “la disposizione interiore ad adempiere una obbligazione di tipo tecnico-giuridico o a vivere la relazione con spirito di collaborazione, di fiducia e con un forte impegno a che le attese, implicite ed esplicite, formali e informali, che sono alla base della relazione trovino una risposta reciprocamente soddisfacente.”

Secondo questa descrizione il contratto psicologico richiama quindi le aspettative non scritte che intercorrono fra il datore di lavoro e il dipendente. Esse possono essere sintetizzate nelle aspettative che interessano gli stimoli delle capacità e delle potenzialità del lavoro, nelle motivazioni professionali, nella qualità e nella tipologia di relazioni che intercorrono fra i due soggetti, nell’equità e nel ruolo del lavoratore. Per sua natura, questo contratto è fluido e può variare nel corso del tempo. La sua applicazione e il suo studio sono strettamente legati all’impegno della risorsa e la sua interruzione può provocare danni molto gravi alla figura lavorativa, basati sulla demotivazione. Al contrario, un’accorta gestione di questo contratto potenzia le competenze personali e si riflette positivamente sulle capacità organizzative dell’impresa stessa.

Il contratto psicologico viene sottoscritto nei primi momenti di conoscenza, ovvero in fase di colloquio conoscitivo. Il contratto viene poi definito durante l’inserimento e i due soggetti, azienda e lavoratore negoziano fin da subito gli aspetti relativi a questa tipologia di contratto. Il primo contratto psicologico rappresenta la base per i contratti psicologici che la persona elaborerà con colleghi, superiori, fornitori e clienti nel periodo dell’inserimento. Spendere risorse in un contratto psicologico seguito significa credere nel potenziale del soggetto e quindi potenziare i legami tra individuo e azienda, ridurre l’incertezza lavorativa e migliorare i comportamenti extraruolo in modo significativo.


HR LINK

Un gruppo di professionisti che operano da anni nel settore HR e mettono a disposizione con passione e competenza la propria esperienza condividendone i valori.

HR LINK il nuovo magazine per il mondo HR
Via Vincenzo Monti 79/2
20145 Milano – IT
Tel. +393357764886
Mail: info@hr-link.it
PEC: hrlinksrl@pec.it

Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Numero REA MI 2010949
C.F. e P.I. 08224190960
C.C.I.A.A.




NEWSLETTER


CATEGORIE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi