Redazione16 luglio 20144min

Il Kaizen, una filosofia di vita

Migliorare produttività e redditività, contenere i costi e puntare a risolvere i problemi più o meno grandi con positività e spirito critico: sono questi i capisaldi su cui si fonda il kaizen, ed i principali motivi per cui esso viene utilizzato sia da piccole aziende che da multinazionali.

Il termine, di origine giapponese, significa letteralmente “miglioramento continuo”  e la metodologia che ne è alla base si fonda su un presupposto tanto semplice quanto vincente: nessun processo può essere mai dichiarato perfetto, ma tutto può essere migliorato. La base di questo processo di miglioramento consiste nell’incoraggiare le risorse umane presenti in azienda ad apportare quotidianamente piccoli miglioramenti nella loro area o funzione di lavoro, con la convinzione radicata che il tempo darà ragione: ossia, che tutti questi piccoli miglioramenti saranno in grado di produrre – nel lungo periodo – effetti benefici e significativi.

Si tratta, naturalmente, di una metodologia ben precisa. Il kaizen si caratterizza, infatti, per la sistematicità e la continuità del processo, che parte con l’individuazione degli obiettivi da perseguire, prosegue con la declinazione degli stessi in una serie di attività pratiche da condurre (con parallela riduzione, fino all’eliminazione, di tutte le possibili azioni di disturbo) e termina con sessioni di follow up, tese alla misurazione delle azioni di miglioramento e alla valutazione delle performance, per determinare se e quanto i lavoratori hanno contribuito in maniera efficace ed efficiente al raggiungimento del risultato che l’azienda si era posto come obiettivo. Da ciò emerge il carattere per l’appunto sistematico del metodo, che nulla lascia al caso. Ma fondamentale risulta una determinata forma mentis – che deve essere posseduta sia dai responsabili che dalle loro risorse – predisposta a mettersi sempre in gioco, a crescere, a non fermarsi mai allo status quo: il kaizen nasce e si sviluppa sulla base solida di una straordinaria filosofia di vita, che non rifiuta il cambiamento e cerca il miglioramento costante.

Reso celebre in tutto il mondo da Toyota – il colosso giapponese del settore Automotive che per primo lo ha applicato nella sua forma più compiuta e riuscita – il kaizen tra i suoi must il coinvolgimento di tutto il personale (tutti possono dare il loro piccolo contributo al miglioramento) e l’impiego di ridotte risorse economiche per il raggiungimento degli obiettivi; la forza del sistema – tanto semplice quanto innovativo – risiede infatti innanzitutto nella riduzione degli sprechi (in Giappone li chiamano muda), ed a questo rimanda il concetto di efficienza cui si era accennato prima tra i parametri di valutazione delle azioni.

Il focus è sempre su ciò che deve esser fatto, piuttosto su ciò che può esser fatto: dall’Oriente al mondo intero, una piccola rivoluzione che sa di sfida vincente.


HR LINK

Un gruppo di professionisti che operano da anni nel settore HR e mettono a disposizione con passione e competenza la propria esperienza condividendone i valori.

HR LINK il nuovo magazine per il mondo HR
Via Vincenzo Monti 79/2
20145 Milano – IT
Tel. +393357764886
Mail: info@hr-link.it
PEC: hrlinksrl@pec.it

Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Numero REA MI 2010949
C.F. e P.I. 08224190960
C.C.I.A.A.




NEWSLETTER


CATEGORIE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi