Redazione28 settembre 20143min

L’impresa di sviluppare il potenziale

Potenziale è una di quelle parole che sentiamo spesso: ci lascia un non so che di “positivo” e lodevole, ci proietta nel futuro, ma difficilmente ci soffermiamo sul suo vero significato.

Lo sviluppo del potenziale è un sistema di valutazione che, al giorno d’oggi, rappresenta la chiave di volta del successo: significa davvero investire sulle risorse umane a 360°. Sviluppare il potenziale e trattenere i migliori talenti è, per le imprese del XXI secolo, uno degli indicatori più affidabili sullo stato di salute dell’organizzazione.

Sul tema in questione nessuno può venirci in aiuto più di Claudio Fernàndez-Aràoz, di origine argentina, docente presso la Harvard Business School, consulente di livello mondiale sullo sviluppo e gestione di talenti, scrittore e autore di libri autorevolissimi quali Great People Decisions e It’s Not the How or the What but the Who. Il talent management è la capacità di scovare talenti, identificare un potenziale e coltivarlo, per poi non lasciarselo scappare: e il talento è oggi più che mai un fattore di rilevanza fondamentale. Nei decenni scorsi, al centro delle assunzioni e dei piani di carriera dei lavoratori regnavano incontrastate le competenze: le selezioni e le promozioni avvenivano in base al possesso o meno di quelle competenze necessarie a ricoprire il ruolo. Oggi la situazione è molto più complicata: il business delle aziende del XXI secolo è troppo instabile e variegato perché quel vecchio modello – che faceva riferimento esclusivamente alle competenze e all’esperienza – possa ancora funzionare. Il cambiamento globale dei processi di produzione e consumo ha spostato il focus sul potenziale, e quindi sulla capacità delle risorse di adattarsi ad ambienti di business in rapida e costante evoluzione e di crescere in ruoli nuovi e sfidanti.

Cinque sono gli indicatori di valutazione del potenziale secondo l’analista argentino: motivazione, curiosità, intuito, impegno e determinazione.

Adottare una politica di sviluppo del potenziale implica, da parte dell’azienda, l’avvio di un dialogo responsabile con la risorsa, nonché la disponibilità ad aprire nuove porte e cercare nuove opportunità. E se il nostro concetto di potenziale solitamente si abbina ai candidati o giovani lavoratori, ci sbagliamo: anche per i manager si intraprendono interventi di sostegno alla crescita della leadership e di sviluppo del talento.


HR LINK

Un gruppo di professionisti che operano da anni nel settore HR e mettono a disposizione con passione e competenza la propria esperienza condividendone i valori.

HR LINK il nuovo magazine per il mondo HR
Via Vincenzo Monti 79/2
20145 Milano – IT
Tel. +393357764886
Mail: info@hr-link.it
PEC: hrlinksrl@pec.it

Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Numero REA MI 2010949
C.F. e P.I. 08224190960
C.C.I.A.A.




NEWSLETTER


CATEGORIE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi