Redazione16 luglio 20145min

L’outdoor training, una chiave di successo

Perché non unire l’utile al dilettevole e fare una formazione che non t’aspetti? Nuova, diversa, dinamica, coinvolgente ed emozionale, che permetta a tutti i partecipanti di lavorare divertendosi e di divertirsi lavorando?

L’idea del viaggio aziendale non è nuova: molte sono le aziende che in un recente passato hanno organizzato grandi viaggi intra-aziendali. Crociere, vacanze e soggiorni più o meno lunghi all’estero. Le ragioni di fondo erano sostanzialmente due: o si trattava di un viaggio-premio (sopraggiunto per il raggiungimento di determinati obiettivi, in termini soprattutto di fatturato e marginalità) o di una sorta di vacanza collettiva, nella quale fosse possibile anche cementare lo spirito di gruppo e migliorare le relazioni interpersonali di risorse spesso distanti fisicamente (è questo il caso di aziende distribuite sul territorio nazionale tramite filiali locali).

Se parliamo di outdoor training, e in generale di quel vasto mondo che è la formazione esperienziale, dobbiamo fare un passo in avanti. Questo modus operandi prevede una programmazione ben precisa: obiettivo da raggiungere, pianificazione delle attività, svolgimento delle stesse e debriefing, sia in itinere che a conclusione del percorso. L’outdoor rappresenta oggi uno strumento formativo stimolante e coinvolgente, dal forte impatto emotivo, che spinge gli attori in gioco ad apprendere in modo diretto ed immediato, nonché a far affidamento su tutte le proprie risorse per raggiungere obiettivi individuali e soprattutto di gruppo.

Se per qualche scettico all’inizio si trattava solo di una delle tante americanate di passaggio, oggi la percezione comune delle aziende va in tutt’altra direzione.

Il tempo previsto è solitamente di qualche giornata, in posti lontani o comunque distanti – non solo dal punto di vista meramente geografico – dal luogo di lavoro, all’aperto, dove un team di risorse – sotto la supervisione di un trainer e l’occhio attento di uno staff – si cimenta in prove di sport e di gioco finalizzate, almeno nella maggio parte dei casi, a sviluppare il concetto di teamworking. I partecipanti sono messi di fronte a situazioni create ad hoc, nelle quali vengono naturalmente costruite delle difficoltà: ciò che conta non è il reale grado di difficoltà da affrontare, quanto piuttosto il pieno coinvolgimento emotivo delle risorse impegnate, le quali si trovano “costrette” a mettere in gioco tutte le proprie energie, a far emergere le potenzialità più nascoste, a fare gioco di squadra perché l’obiettivo è comune. Che si tratti di un’esperienza artistica, di una caccia al tesoro o della costruzione di una zattera, ciò che conta è l’esperienza che si fonda su due concetti-chiave: l’apprendimento attraverso la pratica e la condivisione, che genera automaticamente entusiasmo e coesione.

I debriefing rivestono un ruolo fondamentale all’interno del processo: usciti dalla “simulazione”, i partecipanti sono guidati alla riflessione sulle azioni svolte. Si tratta di un passaggio delicato, in cui a freddo si razionalizza su quanto avvenuto, per giungere infine a quelli che vengono definiti learning point, punti di apprendimento spendibili nella reale attività lavorativa.

L’esperienza ludica, dunque, diventa metafora della realtà professionale. Cosa fondamentale è individuare a monte la competenza da focalizzare e sviluppare: teamworking, senso di appartenenza, gestione del tempo, gestione dello stress, etc. Se affrontato nel modo giusto – senza lo spirito ludico finalizzato alla risata, con la giusta predisposizione di spirito e la voglia di migliorasi – l’outdoor training, basato sulla diretta esperienza, è tra i più efficaci metodi di apprendimento.


HR LINK

Un gruppo di professionisti che operano da anni nel settore HR e mettono a disposizione con passione e competenza la propria esperienza condividendone i valori.

HR LINK il nuovo magazine per il mondo HR
Via Vincenzo Monti 79/2
20145 Milano – IT
Tel. +393357764886
Mail: info@hr-link.it
PEC: hrlinksrl@pec.it

Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Numero REA MI 2010949
C.F. e P.I. 08224190960
C.C.I.A.A.




NEWSLETTER


CATEGORIE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi