Controlli a distanza dei lavoratori: le novità del Jobs Act

controlli a distanza del lavoratore da parte del datore di lavoro sono un tema spinoso, ma spesso si tratta di uno strumento indispensabile per “stanare” i furbetti o coloro che non fanno il loro lavoro con dedizione e impegno.

Ma cosa cambia in merito con il Jobs Act? Vediamo insieme tutte le novità. Uno dei decreti attuativi del Jobs Act contiene una norma che riscrive totalmente l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, per quanto riguarda impianti audiovisivi e controlli a distanza del lavoratore. Superato il divieto assoluto di installare telecamere e impianti audiovisivi in azienda; si potranno installare previo sindacale o autorizzazione.

Il datore di lavoro, inoltre, potrà monitorare i telefoni cellulari, pc, tablet aziendali dati in dotazione, e lo potrà fare “a distanza”. Il tutto, però, nel rispetto della normativa sulla privacy; il lavoratore deve essere informato sui controlli adoperati, e l’impiego di strumenti di controllo deve comunque deve essere giustificato da esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale.

E’ inoltre possibile, con il nuovo art. 4, provvedere a un licenziamento o ad una sanzionedisciplinare a causa delle immagini o dei dati raccolti con il controllo a distanza. Il nuovo articolo, comunque, è ancora in esame presso le Commissioni Parlamentari, e attende approvazione. La Cgil però è già sul piede di guerra: “Le novità del Jobs act – afferma la segretaria nazionale Serena Sorrentino – pongono un punto di arretramento pesante” rispetto allo Statuto dei lavoratori. “Non solo daremo battaglia in Parlamento, ma verificheremo con il garante della privacy se ciò si può consentire”.

Condividi questo post

Condividi Hr Link