Diversity management

Home Diversity management
Diversity & inclusion, quando i dipendenti non ci credono

Diversity & inclusion, quando i dipendenti non ci credono

Racial e gender equality, diversity e inclusion: temi che anno dopo anno diventano sempre più protagonisti delle azioni coordinate di policy aziendale e comunicazione interna in ambito HR. Secondo un sondaggio condotto da Catalyst, nei Paesi a maggioranza bianca, tre quarti dei dipendenti hanno riferito che le politiche di equità razziale della loro organizzazione non erano autentiche. Ecco come, secondo gli autori Tara Van Bommel, PhD, Kathrina Robotham, PhD e Danielle M. Jackson, PhD, è possibile comunicare le politiche dell’azienda in modo più autentico.

Quando l’HR “va in vacanza”, il caso Elisabetta Franchi

Quando l’HR “va in vacanza”, il caso Elisabetta Franchi

Comportamenti antisindacali (condannati formalmente dal Tribunale del lavoro di Bologna), testimonianze di condotte denigratorie e, agli onori della cronaca, una prospettiva antidiluviana sul ruolo della donna nel mondo del lavoro. Ma come si è arrivati a tanto? E, soprattutto, come accade che la gestione risorse umane di un’azienda con un fatturato annuo che supera i 100 milioni di euro non risponda alle linee guida base di condotta HR?

Certificazione della parità di genere al via, ma l’Italia è ancora fanalino di coda a livello globale per gender gap, molto dopo Spagna, Francia e Germania

Certificazione della parità di genere al via, ma l’Italia è ancora fanalino di coda a livello globale per gender gap, molto dopo Spagna, Francia e Germania

Italia 63esima su 146 paesi quanto a gender gap, subito dopo Uganda e Zambia. Lo dice il Global Gender Gap Index 2022 del World Economic Forum, il rapporto che valuta il livello di parità tra uomini e donne in diversi ambiti e paesi. Nel frattempo, per le imprese pubbliche e private che occupano più di 50 dipendenti, si avvicina la scadenza – fissata al 30 settembre 2022 – per la pubblicazione del rapporto sulla situazione del personale maschile e femminile, mentre diventa operativa la certificazione della parità di genere.

«Leadership al femminile significa dare responsabilità e fiducia; la complessità attuale lo richiede»

«Leadership al femminile significa dare responsabilità e fiducia; la complessità attuale lo richiede»

Esiste una leadership al femminile – nel senso di un modo diverso di amministrare un’organizzazione – o è una narrazione in voga nell’epoca del gender correct? È un modello che si sta affermando nelle organizzazioni? Continua ciclo di interviste ad alcune delle più importanti manager italiane ai vertici di azienda, per indagare il contributo delle donne nelle posizioni di leadership e comprendere i cambiamenti in atto nelle organizzazioni – ma anche, di riflesso, nella società in senso più ampio, accendendo i riflettori su stereotipi, cambiamenti generazionali, ostacoli e non solo. Ne abbiamo parlato con Maria Emanuela Salati, Training, recruiting and welfare manager di ATM.

Diversity e inclusion, l’approccio multilaterale come chiave per l’equilibrio

Diversity e inclusion, l’approccio multilaterale come chiave per l’equilibrio

Ageing, LGBTQI+, Disability, Gender Gap: i temi correlati alla diversity & inclusion rappresentano un ecosistema che richiede forte investimento da parte di tutti gli stakeholder. Particolare attenzione, sotto il profilo gender, va posta agli aspetti legislativi, alla costruzione di percorsi di formazione che aiutino le donne a sviluppare la leadership, al supporto ai datori di lavoro per l’assunzione di figure femminili, alla parità retributiva, all'equilibrio tra lavoro e vita privata. Queste alcune delle tematiche chiave per Anna Gionfriddo, amministratrice delegata di ManpowerGroup Italia, sviluppate nel corso dell’ultima edizione di Officina Risorse Umane.

Politiche di genere, gli impatti del quadro normativo e gli effetti del PNRR

Politiche di genere, gli impatti del quadro normativo e gli effetti del PNRR

Lunedì 28 giugno, a Roma, presso la sede di Confindustria si terrà il seminario “Politiche di genere per imprese e manager. Azioni, strumenti e nuovi equilibri”, organizzato da 4.Manager. La giornata analizzerà gli sviluppi del quadro normativo considerando l’impatto che esso avrà sui manager e sulle imprese, concentrandosi sulla certificazione della parità di genere, sugli effetti legati al PNRR e sulla strategia europea per la gender equity. Previsto l’intervento della ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti e del presidente di 4.Manager e Federmanager Stefano Cuzzilla.

Diversità e lavoro, il 26% della comunità LGBT+ dichiara di essere discriminata in ambiente professionale

Diversità e lavoro, il 26% della comunità LGBT+ dichiara di essere discriminata in ambiente professionale

Ancora oggi l’orientamento sessuale può essere fonte di discriminazione, anche sul lavoro. Lo rileva un’indagine Istat-Unar, che rivela come per un omosessuale/bisessuale su cinque l'orientamento sessuale abbia influito negativamente su aspetti come retribuzione, avanzamenti di carriera e riconoscimento delle capacità professionali.