Global Workplace Trends 2017: 10 temi per la qualità della vita in azienda

Ogni anno Sodexo, gruppo francese specializzato in sevizi alle imprese, redige uno studio relativo ai luoghi di lavoro, con un particolare focus sullo sviluppo ed il benessere dei lavoratori e, quindi, delle aziende stesse

Global Workplace Trends

Quest’anno si è concentrata su 10 item di grande attualità , con cui già ci stiamo confrontando e che nel futuro rappresenteranno elementi di sfida per la crescita e il successo delle aziende e quindi dei paesi in cui esse operano.
Lo studio è stato effettuato attraverso 55 ore di interviste a 50 esperti di ogni settore integrando i risultati con studi internazionali e ricerche scientifiche.

Di seguito i 10 temi che sono risultati al top dell’importanza per le aziende, nel presente e nel futuro:

Organizzazione agile: tanto si parla di agilità e flessibilità per rispondere al vorticoso cambiamento dei contesti e del mercato. Questo implica necessariamente un trasferimento di nuove competenze ai propri collaboratori e tra queste una maggiore consapevolezza.

La crescita di luoghi di lavoro trasversali: lo smart working sta sempre più prendendo piede nelle aziende, che ridisegnano i luoghi di lavoro con l’intenzione di creare nuove interazioni, spingendo sulle competenze dei singoli e le sinergie che si possono creare in una contiguità fisica che diventa contiguità di pensiero e quindi di creazione di soluzioni e nuove idee.

Collaboratori senza confini: sia la delocalizzazione delle aziende, sia l’assunzione di collaboratori stranieri crea condizioni di lavoro ad alto impatto di contaminazione, attirando nelle organizzazioni talenti e competenze nuove e spesso sconosciute localmente. L’integrazione tra i diversi mondi culturali porta ad una crescita reciproca e ad un arricchimento che avviene in maniera fisiologica attraverso le interazioni umane e lavorative che l’ambiente crea.
Sull’inserto Affari & Finanza di Repubblica di questa settimana Stefania Aoi approfondisce il tema sugli effetti nel mercato del lavoro italiano.

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2017/03/06/news/la_multietnicit_degli_addetti_spinge_il_business-159939050/

Le nuove generazioni della robotica: la progressiva sostituzione di alcuni lavori umani con quello dei robot sono al centro di dibattiti, che vedono posizioni opposte tra chi lo considera un’opportunità e chi lo vede come un pericolo per la progressiva perdita di posti di lavoro.
Lo studio cerca di approfondire quali sono gli scenari possibili e quale l’impatto che questa rivoluzione e destinata a generare.

Apprendimento intergenerazionale: il diversity management è uno dei temi con cui la gestione delle risorse umane si trova oggi a dover fare i conti. L’allungamento della vita e quindi di quella lavorativa e l’ingresso di nuove generazioni portatrici di nuove competenze, sta creando una situazione senza precedenti, destinata a perdurare e diventare strutturale. L’opportunità che si cela dietro a questo fenomeno è la possibilità di uno scambio di competenze laddove un tempo questo era un tema unidirezionale.

Il personal branding va al lavoro: quale influsso può avere sull’azienda il personal branding dei collaboratori? La visibilità individuale cui oggi si da estrema importanza e che vede ogni collaboratore impegnato nello sforzo di mettere in evidenza le proprie competenze e valori, genera fattori di concorrenza interna che può esasperare la normale competizione. La sfida per la funzione HR è quella di comprenderne l’impatto, governarlo e possibilmente trasformarlo.

Ridefinire l’esperienza sul luogo di lavoro: i luoghi di lavoro si stanno trasformando in funzione delle nuove esigenze dettate dalla velocità e flessibilità. Questo implica un impatto sulla percezione e sul benessere di chi vi lavora. Il coinvolgimento dei collaboratori nel ridisegno del layout si rivela fondamentale per garantire quel benessere che sta alla base delle performance.

L’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: le scadenze dettate dalla nazioni unite in termini di sostenibilità pongono le organizzazioni nella necessità di allinearsi a standard che non solo sono richiesti dalle istituzioni, ma anche dai lavoratori che sono ormai cresciuti in termini di sensibilità e consapevolezza, con conseguenze anche sull’appeal che le aziende possono generare nei confronti di che nella ricerca di un nuovo luogo di lavoro ne valuta anche il patrimonio valoriale, la mission e la vision in termini di responsabilità sociale.

Sbloccare il potenziale del talento dei Millenials: le nuove generazioni variamente catalogate in x, y, z portano nuove competenze, nuovi valori, nuovi comportamenti. Approfondirne la conoscenza ci permette di traguardare il futuro del lavoro in cui il loro impatto sarà determinante evitando di esserne travolti, bensì preparandosi ad accoglierne tutto il potenziale innovatore.

Benessere 3.0: “Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità.” (OMS, 1948)

Anche in azienda questo concetto di benessere deve essere assimilato superando un concetto di salute e di sicurezza che, pur avendo prodotto in questi anni grandi risultati, non riesce ad andare oltre i confini dei luoghi di lavoro e, anche all’interno di esso, non sempre prendono in considerazione il benessere inteso dall’OMS con le sue ricadute virtuose sull’ambiente extralavorativo e quindi sull’intera società.

Abbiamo voluto darvi solo alcuni cenni dei temi affrontati. Per un approfondimento vi rimandiamo al report completo che troverete al link.

http://it.sodexo.com/files/live/sites/sdxcom-it/files/050C_Country.com_Italy_(Italian)/Building_Blocks/LOCAL/Multimedia/PDF/Global%20workplace%20trends%20report/Sodexo-2017-workplace-trends-report.pdf

Buona lettura.

error

Condividi Hr Link

OK