Il team coaching: il futuro delle organizzazioni passa dalla consapevolezza e la condivisione

Il team coaching è un’attività in continua evoluzione e definizione, questo in virtù delle esigenze sempre più complesse e varie che le organizzazioni esprimono attraverso le proprie scelte e i propri collaboratori

team coaching

Il team e il group coaching sono attività in continua evoluzione e definizioni, questo in virtù delle esigenze sempre più complesse e varie che le organizzazioni esprimono attraverso le proprie scelte e i propri collaboratori.

Se da un lato l’attività con i singoli manager aiuta i professionisti a trovare il proprio posizionamento e percorso rispetto agli obiettivi professionali scelti o offerti, dall’altra parte c’è l‘esigenza di allenare anche i team e i gruppi ad evolversi ed allinearsi con le nuove istanze delle propria azienda.

Acquisire consapevolezza e condividere le proprie esperienze e i propri saperi è uno dei passaggi, fondamentali, cui induce il team e group coaching.

 

Il team e il group coaching: le differenze

Con il termine team coaching si intende un insieme di persone che  hanno la necessità di lavorare attorno ad  un progetto comune.

I temi su cui spesso si lavora sono la fiducia, la capacità di parlarsi schiettamente per superare una delle principali barriere che impediscono di collaborare  in maniera efficace.

I non detti, infatti, costituiscono un substrato potentissimo, in grado di bloccare il lavoro comune che da essi trae molti più stimoli e freni di quanto non riescano a fare le dichiarazioni d’intenti palesi.

Nel group coaching si mettono insieme individui che non stanno partecipando ad un progetto comune, ma condividono similitudini in merito ad  obiettivi individuali.

In aula il prezioso lavoro che viene svolto insieme è quello della condivisione delle esperienze e della trasmissione reciproca di competenze.

L’output del group coaching è un profondo arricchimento, reciproco potenziato dalla condivisione tra pari, che rende ancora più credibile la possibilità di arrivare a meta, sfruttando l’altissimo potenziale che ogni individuo ha in sé, moltiplicato per il numero dei partecipanti.

 

Verso nuovi modelli integrati

Sebbene non nuove, il team e il group coaching, hanno bisogno di diventare sempre più attività integrate con gli interventi che l’organizzazione mette in atto nel suo percorso di cambiamento e innovazione e quindi necessitano di evolversi coerentemente con il mutare dei contesti.

In un articolo a firma di David Clutterbuck, pubblicato sul blog di Performant by Scoa, il famoso esperto di leadership e coaching, parla del futuro di questa attività, che sempre più si dovrà orientare verso una spiccata professionalizzazione e una approfondita ricerca e studio, laddove è evidente ancora la carenza di testi specifici ed autorevoli.

Carlo Boidi, senior business coach,  ci spiega come l’impegno di SCOA, The School of Coaching e Performant sia proprio quello di  coniugare le esperienze fatte nelle organizzazioni con la continua ricerca per offrire modelli e strumenti di intervento sempre più integrati con le nuove esigenze di l’efficacia e efficenza.

Tutto ciò perché il lavoro del coach non si esaurisce nel fornire supporto ai singoli, ai gruppi e ai team, ma, in particolare nelle aziende, nel creare una vera e propria nuova cultura.

Infatti l’obiettivi ultimo è quello di diffondere approcci, interventi e comportamenti in tutta l’organizzazione, trasformandola e arricchendone la qualità delle relazioni e del clima per un accrescimento del successo di business e umano.

Vai al calendario dei corsi per Business coach di Scoa-The School of Coaching

Vai sulla pagina LinkedIn  di Scoa The School of Coaching

 

error

Condividi Hr Link

OK