Quanto costa il lavoro in Europa?

L’Eurostat, ovvero l’Istituto di statistica dell’Unione europea, ha recentemente diffuso i dati dell’analisi eseguita sul costo del lavoro nei paesi europei relativi all’anno 2014. L’analisi ha interessato tutti 28 i paesi membri e ha rilevato un divario incredibile, basti pensare ai 40 euro che un lavoratore percepisce in Danimarca contro i 4 euro all’ora che un lavoratore riceve nel paese della Bulgaria.

E in Italia? Come spesso accade, il nostro paese presenta una situazione variegata, quanto problematica. Un’ora di lavoro nel nostro paese costa in media ad un’impresa 28,3 euro.Si tratta di una cifra che rivela un punto in meno della media dell’Eurozona, dove il minimo è 29, ma superiore di 4 punti rispetto alla media UE, dove il costo si aggira sui 24.6 euro.

E’ interessante notare quali sono i fattori che determinano il costo del lavoro orario per le aziende. Innanzitutto il 28% della base è determinato da fattori che non hanno nulla a che vedere con lo stipendio, quali i contributi pagati ai lavoratori, che sono quantificati in Italia di più rispetto alla Germania e molto meno rispetto alla Francia. L’Italia si propone come il terzo paese più ‘costoso’ di tutta l’Europa sotto questo punto di vista, dietro alla Francia e alla Svezia. I costi del lavoro sotto questi termini più bassi si registrano a Malta e in Danimarca, mentre nel 2014 quattro paesi,  Cipro, Portogallo, Croazia e Irlanda hanno visto diminuire il costo del lavoro.

E’ importante notare che tre di questi paesi sono stati ‘salvati’ dall’Unione Europea e quindi portati a diminuire significativamente l’importo dei loro salari, come è accaduto in Grecia, un paese dove  il costo del lavoro orario era nel 2014 di 14,6 euro e sei anni prima di 16,8 euro.

E gli aumenti? Se alcuni paesi hanno registrato delle doverose diminuzioni, altri paesi hanno registrato un significativo aumento. Si tratta soprattutto dei paesi del bacino dell’est, come l’Estonia (+6,6%), la Lettonia (+6%) e la Slovacchia (+5,2%), che hanno registrato percentuali di crescita importanti, che però si giocano su basi molto basse, lontane dagli standard del centro Europa, ma significative di un possibile, futuro, allineamento globale.

error

Condividi Hr Link

OK