Vince l’impresa inclusiva: Il pensiero divisivo è antistorico

I team con alto tasso di diversity sono più innovativi e fanno meno errori dei team omogenei. Con una strategia di inclusione, i risultati sono ancora migliori. I dati di una ricerca di Deloitte presentati in occasione del Global Inclusion, evento delle imprese inclusive che si è tenuto a Bologna. Ecco il modello per calcolare il ROI dei programmi di diversity

La diversità – di cultura, di genere, di orientamento sessuale, di opinione, di formazione, di salute, di abilità, di caratteristiche fisiche, di provenienza geografica – rappresenta una ricchezza non solo sociale e culturale, ma anche economica. Ci siamo occupati spesso nei nostri approfondimenti del valore per l’azienda creato da un buon diversity management (un nostro approfondimento), indicatori confermati da ogni ricerca successiva. I team con un alto tasso di diversity sono il 20% più innovativi ed evitano più facilmente di prendere decisioni sbagliate (il 30% in meno). Se poi alla diversità si combina la strategia inclusiva, allora l’impresa raddoppia la propria possibilità di raggiungere i target finanziari, con flussi di cassa 2,3 volte più elevati di quelli delle aziende meno inclusive.Questi dati sono tratti da una ricerca che Deloitte ha presentato a Bologna in occasione della prima manifestazione nazionale dedicata a “Global Inclusion – Generazioni senza frontiere, un momento di confronto tra Manager, professionisti, accademici e pubblici amministratori che hanno raccontato e ascoltato storie di diversità per superare stereotipi e pregiudizi consapevoli e inconsapevoli che spesso popolano i luoghi di lavoro. Un evento basato su un concetto cardine: il pensiero divisivo non è solo vecchio e antistorico, ma rischia anche di essere improduttivo e di ostacolare la crescita e la generazione di valore. La manifestazione è stata promossa dal Comitato Global Inclusion – Art. 3, con riferimento all’articolo 3 della Costituzione Italiana.

“Global inclusion e art.3 della Costituzione: due modi per affermare la centralità della persona umana e l’importanza della partecipazione dei cittadini alla costruzione di un futuro sostenibile – ha dichiarato Luigi Bobba, Presidente del Comitato Global Inclusion Art. 3, esperto del Terzo Settore e già sottosegretario al Lavoro – “Global inclusion richiama immediatamente gli obiettivi dell’Agenda Globale 2030; l’art.3 della Costituzione rivela la sua sorprendente modernità nel guidarci a trovare una rotta in un tempo e in un Paese segnati profondamente dal rancore, dall’ esclusioni e dalla paura. Carta Costituzionale e Agenda globale 2030 rappresentano il filo rosso dell’azione del Comitato promotore che vuole dare appuntamento a tutti coloro  che vogliono costruire ponti e non muri, generare inclusione anziché esclusione, valorizzare le differenze invece che comprimerle. Consapevoli che l’inclusione rappresenta un decisivo driver per l’innovazione sociale e che la responsabilità sociale delle imprese non incide solo sulla reputazione delle stesse, ma è un fattore essenziale per crescere e cambiare”.

Il ROI

L’evento bolognese era prevalentemente rivolto all’inclusione lavorativa, mentre l’attività pura di diversity management è un qualcosa di più ampio ed è molto diffuso nelle aziende con una cultura della gestione del personale molto avanzata. Gestire la diversity è sempre più un fattore di competitività, tanto che ci sono anche modelli per misurare il ROI (il ritorno sugli investimenti) di un programma di diversity management.

Condividi questo post

Condividi Hr Link