Categoria: Diritto del Lavoro

Home Diritto del Lavoro
Coronavirus e lavoro: un vademecum per i lavoratori
Articolo

Coronavirus e lavoro: un vademecum per i lavoratori

Cassa integrazione, permessi, sostegno al reddito, smart working, misure sui licenziamenti, sicurezza dei lavoratori, nuove forme di organizzazione del lavoro. Un forum con gli avvocati di Legalilavoro per analizzare tutte le novità introdotte con i decreti del governo per limitare la diffusione del coronavirus

Smart working, puntare sugli accordi tra le parti
Articolo

Smart working, puntare sugli accordi tra le parti

L’analisi sulla fase di emergenza con il grande impatto sul lavoro (comprese pmi e mondo delle professioni) e le previsioni sui futuri modelli organizzativi. L’opinione della giuslavorista Paola Pezzali: l’auspicio è che gli accordi individuali rimangano residuali. Con il dialogo tra imprese e lavoro si tutelano al meglio le esigenze dell’economia e quelle della salute e sicurezza.

Lavoro e coronavirus: non chiamatelo smart working
Articolo

Lavoro e coronavirus: non chiamatelo smart working

Nella fase di emergenza, lavoro agile è diventato un “titolo” che raggruppa tutto quello che si sta facendo per contenere la diffusione del contagio, ma non si sta applicando un nuovo modello organizzativo. Cosa succede? Come cambierà il lavoro? Come affrontare l’emergenza? Ne abbiamo parlato con l’avvocato Rotondi, founding partner dello studio Lablaw.

Lo smart working oltre l’emergenza: diritti e doveri del dipendente agile
Articolo

Lo smart working oltre l’emergenza: diritti e doveri del dipendente agile

C’è stato un vero e proprio boom del lavoro da remoto (che non sempre è vero e proprio lavoro smart) per contenere la diffusione del coronavirus. Il decreto del governo sul COVID-19 consente di derogare ad alcuni obblighi delle parti, rendendo più snello il processo. L’emergenza ha ribaltato i paradigmi ma nella condizione ordinaria le parti hanno vincoli e obblighi per poter attivare lo smart working.

Rinnovo contratto metalmeccanici: partenza in salita
Articolo

Rinnovo contratto metalmeccanici: partenza in salita

C’è molta distanza tra le richieste dei sindacati, che puntano a un aumento di stipendio dell’8%, e l’impostazione delle imprese che è orientata al welfare aziendale e ad altre forme di salario differito. Ma la trattativa è avviata. Il rinnovo interessa circa 1,6 milioni di lavoratori, il comparto è il secondo più grande d’Europa e produce 100 miliardi di valore aggiunto ogni anno.

Condividi Hr Link

OK